Confassociazioni, nuova Task Force su Lavoro e Politiche Sociali e proposte a Draghi e Orlando

I vertici di Confassociazioni si sono riuniti nella Sala Nassirya del Senato annunciando le novità per il 2022 e i nuovi ingressi nell’organigramma.

di Pasqua Fracassi

Il board dell’incontro, presieduto dal presidente nazionale di Confassociazioni, Angelo Deiana, ha visto gli interventi del vice presidente vicario Riccardo Alemanno, del vice presidente vicario aggiunto Franco Pagani, della vice presidente con delega alle Pari Opportunità Federica De Pasquale e del presidente Confassociazioni Real Estate Paolo Righi.

“Nel Dna di una grande rete professionale come la nostra c’è il gene fondante del suo successo: la capacità di saper coniugare il valore della tradizione con la spinta verso l’innovazione. È per questo che – ha affermato Deiana – abbiamo lavorato nell’ultimo periodo per un grande rinnovamento del nostro modello organizzativo. Un’operazione impegnativa perché, pur nella continuità degli obiettivi strategici (visione di lungo periodo, collaborazione competitiva e crescita costante), abbiamo inserito nuovi, importanti professionisti, imprenditori e manager che fossero in grado di sostenere in termini di competenze e relazioni i numeri complessivi che Confassociazioni ha raggiunto: 715 associazioni di professionisti e imprese, 1 milione e 240mila iscritti di cui 213mila imprese con 5,2 dipendenti medi”.

“Persone di grande rilievo – ha evidenziato Deiana – al servizio di una grande rete che fa rappresentanza e business community come la nostra. Una rete di comando diffusa che avrà come obiettivi primari sia quello di continuare ad espandersi in termini qualitativi e quantitativi, sia quello di continuare ad investire da veri e propri azionisti la propria professionalità in Confassociazioni e nel Paese”.

Nel corso dell’incontro, sono state presentate anche le più importanti iniziative per il 2022 alla luce delle prospettive economiche e sociali dell’ultimo trimestre 2021, in particolare, è stato presentato il team, coordinato da Giovanni Cinque, della nuova Task Force su Lavoro e Politiche Sociali e una sintesi delle proposte che saranno inviate al Presidente Draghi e al Ministro Orlando in tema di ammortizzatore sociale universale, Naspi, revisione legge 81/2017, formazione di ricollocazione (digitale, inglese, soft skills), smart working, assegno di conciliazione.

“Abbiamo inoltre reso ancora più performanti – ha concluso il Presidente di Confassociazioni – le nostre branch organizzative, settoriali, territoriali e internazionali. Un mondo di oltre 450 professionisti e manager che lavorano per la nostra Confederazione e che sta facendo, tra l’altro, un grande sforzo di raccolta e scrittura in apposite pubblicazioni di idee e azioni che hanno come tema centrale quello di ‘Rilanciare l’Italia facendo cose semplici’. Insomma, una grande struttura per investire da azionisti nel sistema Italia le nostre competenze, capacità e abilità ed assicurare a tutti un futuro migliore anche nella crisi pandemica e post pandemica”.

Tra i presenti, il senatore Maurizio Gasparri, il direttore generale di Confassociazioni Adriana Apicella, il presidente di Confassociazioni Sud Italia Carmelo Cutuli e il nuovo presidente di Confassociazioni Tourism, Food ed Hospitality Palmiro Noschese.

Fonte: Confassociazioni, nuova Task Force su Lavoro e Politiche Sociali e proposte a Draghi e Orlando
MondoProfessionisti